Displaying items by tag: corsa all'anello
Speciali Cronache24.it

NARNI - Inizia oggi, 26 aprile, alle 17,30 dal bookshop di Palazzo Eroli, la prima delle tre trasmissioni in diretta streamig su www.cronache24.it dedicate alla Corsa all'Anello.

"PARLIAMO DI CORSA" è il titolo delle trasmissioni a cura della redazioni di cronache24 e che avranno in studio ospiti importanti del mondo della Corsa.

Per seguirci: http://www.cronache24.it/speciali/item/2362-parliamo-di-corsa-diretta-streaming, oppure vai alla home page di www.cronache24.it e clicca l'apposito bottone sul banner relativo allo "speciale Corsa all'Anello".

Diretta Streaming

NARNI – La 45esima edizione della Corsa all’Anello non è ancora iniziata e la bandiera del terziere Fraporta che si trova sotto l’arco del Duomo si è già appesa. E se quindi, la tanto seguita “cabala” ha ragione, quest’anno dovrebbe vincere la Corsa all’Anello proprio il terziere rossoblù.

Una delle “leggende” metropolitane che riguardano la Corsa all’Anello riguarda le bandiere di Mezule, Fraporta e Santa Maria che vengono sistemate sugli archi che si trovano all’entrata della Cattedrale in piazza Cavour. Si dice che la bandiera che si appende all’arco, rivoltandosi ed attaccandosi ai chiodi che si trovano sull’arcata, sia il vessillo vincitore della Corsa all’Anello. Stando ad oggi, quindi, dovrebbe vincere Fraporta, appesa all’arco da ieri pomeriggio, ancor prima dell’inizio della festa.

L’arrotolamento delle bandiere sistemate sotto l’arco del Duomo rappresenta senza dubbio uno dei rituali più seguiti dai contradaioli narnesi. Negli anni passati la “cabala” riguardante le bandiere è stata spesso veritiera. Nell’edizione 2012 si era appesa Fraporta, ma poi, “colpo di scena” si era srotolata e si era appesa Santa Maria proprio negli ultimi giorni della festa. E infatti gli arancioviola hanno vinto la 44esima edizione della Corsa all’Anello. Caso analogo nel 2011. Nei primi giorni della festa si era infatti appesa all’arco la bandiera di Mezule, poi nei giorni seguenti si era ribaltata Santa Maria. E così è andata la gara equestre: Mezule, che aveva in tasca la corsa, all’ultima tornata ha perso in maniera incredibile l’anello d’argento conquistato da Santa Maria.

Quest’anno, se durante la festa non ci saranno nuovi “arrotolamenti” sembrerebbe quindi l’anno di Fraporta. E tra scongiuri e tradizione i contradaioli continueranno a seguire le vicende delle bandiere appese sotto l’arco per capire come andrà la gara equestre del 12 maggio.

NARNI – E' iniziata ufficialmente ieri (25 aprile) la 45esima edizione della Corsa all’Anello. La prima delle numerose novità di quest’anno è stato il banditore. Il tradizionale “Madonne, cavalieri et lo populo tucto” è stato infatti gridato la sera dopo cena, quando Francesco Bussetti, storico personaggio della festa di San Giovenale, ha annunciato alle 21,00 l’avvio dei festeggiamenti in onore del santo patrono Giovenale. E' stato il segnale che tutti aspettavano, quello del via alla Corsa. Con un prologo: l’apertura delle osterie che già da mezzogiorno avevano spalancato i portoni di legno per approfittare della bella giornata e della festa della Liberazione. E a proposito di osterie, ecco la seconda novità. Da quest’anno le taverne saranno a km 0. I prodotti con i quali si realizzano i piatti della cucina narnese e umbra proverranno dalle aziende locali, il che abbasserà i costi d’acquisto delle materie prime, valorizzerà i produttori locali e darà la possibilità di godersi gusti e sapori della terra di Narni.

La qualità - L’ente Corsa, il Comune e i terzieri hanno scelto la strada della qualità, “l’unica – dice il segretario generale dell’ente Corsa Carlo Capotosti – in grado di assicurare il futuro alla manifestazione. Nonostante la crisi siamo riusciti ad allestire un programma importante che prevede complessivamente 100 eventi”. Tra questi, ed ecco al terza novità, gli album celebrativi della Corsa all’Anello. “Grazie all’associazione Soqquadro di Vercelli – spiega il responsabile alle pubbliche relazioni dell’ente Francesco Cabiati – abbiamo realizzato un album di figurine che riproduce i personaggi che animano il corteo, la corsa al campo e le altre manifestazioni lungo i 18 giorni di festa. I 45 anni sono anche l’occasione per ricordare che ci ha preceduto ed ha lavorato affinché la città riuscisse ad avere una festa bella come quella di oggi. Per tale ragione abbiamo creato anche un album con i personaggi della storia della Corsa all’Anello, un amarcord che farà piacere a tutti i contradaioli”.

Stop ai biglietti omaggio – Il clima di austerity non ha portato solo un po’ meno risorse ma anche suggerito all’organizzazione una maggiore “sobrietà” negli inviti al campo in occasione della corsa del San Girolamo. “Abbiamo deciso di mettere un limite molto stretto agli ingressi omaggio – afferma il sindaco Francesco de Rebotti anche in qualità di presidente dell’ente Corsa, perché vogliamo dare un segnale chiaro e preciso ed essere in linea con una condotta improntata alla misura e all’equilibrio”. In tribuna vip insomma entreranno gratis solo le autorità più importanti, il resto pagherà regolarmente il biglietto.

Sicurezza – Altra novità riguarda la sicurezza. Comune ed ente Corsa hanno stretto un accordo secondo il quale ci sarà una sorveglianza stringente nelle ore notturne in alcuni giorni “caldi” della manifestazione. Questo per cercare di impedire gli atti vandalici che si registrano durante la Corsa all’Anello in alcuni giorni. “Non si tratta di danni enormi – spiega l’assessore comunale Gianni Giombolini che si è speso per questa iniziativa – ma ci sembra giusto dare un segnale di tranquillità e di attenzione nel segno della qualità su cui si sta impostando la Corsa all’Anello”. 

I terzieri trepidano – C’è un bel clima nei terzieri, la magia della Corsa all’Anello ha ormai contagiato ogni contradaiolo. Gabriele Chieruzzi (capo priore Mezule): Tante sorprese nel terziere, dalla gastronomia al corteo - “Sono molto orgoglioso del comitato del terziere che, nonostante le difficoltà economiche, è riuscito a ad andare avanti formando un gruppo affiatato e dando il meglio in ogni settore. La vera conquista di quest’anno sarebbe riuscire ad eguagliare gli incassi dello scorso anno che in un momento di grande crisi, darebbero una vera e propria boccata d’ossigeno. Per il resto, possiamo dire che tutto procede a gonfie vele. Al campo saremo competitivi, così come in tutti gli altri settori. Quest’anno presenteremo degli “ambienti” nuovi, con meticolose ricostruzioni tutte da scoprire ed anche il corteo avrà in serbo delle sorprese ancora assolutamente “top secret”. Novità anche dal punto di vista gastronomico con l’introduzione nel menù delle osterie di nuovi piatti della tradizione. Sorprese anche per quanto riguarda la giornata medievale che quest’anno verrà ambientata in uno dei vicoli più caratteristici del terziere, continuando con la volontà di utilizzare la manifestazione per far conoscere tutti gli angoli di Mezule”.

Federico Sernicola (capo priore Fraporta): Una mostra fotografica dedicata al terziere e un nuovo sito internet - “ Saranno molte le novità che quest’anno caratterizzeranno il nostro terziere e che si andranno ad unire alla tradizione. Ci saranno ambienti e bandiere nuove, una meticolosa ricerca storica e di particolari per gli abiti del corteo, una giornata medievale che tornerà in piazza dei Priori al fine di coinvolgere sempre più persone nella vita di terziere, la qualità dei piatti delle osterie, la bravura e l’impegno dei musici, l’impegno della scuderia. Accanto a tutto ciò, ci sarà una mostra fotografica dedicata al terziere, intitolata “Fraporta racconta”, quest’anno dedicata proprio alla storia dei musici. La mostra rientra in un progetto più ampio volto alla raccolta di immagini che raccontino la storia del terziere e che nei prossimi anni daranno vita a dei fotolibri che andranno ad arricchire l’archivio storico della Corsa all’Anello che si sta strutturando. Il 25 aprile verrà messo on line anche il nuovo sito internet del terziere che, nell’era digitale, servirà a far entrare in contatto la cittadinanza con le attività del terziere che troveranno un importante spazio sul web”.

Paolo Pagnanelli (capo priore Santa Maria): Alle osterie grandi piatti a prezzi invariati - “Nonostante la profonda crisi economica, ci auguriamo che anche quest’anno la Corsa all’Anello possa portare risultati confortanti per l’economia dei terzieri. In virtù del risparmio e per andare incontro alle famiglie, abbiamo deciso, d’accordo con gli altri terzieri, di mantenere invariati i prezzi dei piatti delle osterie rispetto allo scorso anno. Sulla stessa scia abbiamo deciso di intraprendere gli acquisti dei prodotti a “km 0” volti alla valorizzazione ed allo stesso tempo all’ottimizzazione delle risorse economiche. Risorse ridotte investimenti importanti sull’acquisto della struttura per la vendita degli arrosticini e la realizzazione dei costumi nuovi e dei tamburi del gruppo musici. All’interno del terziere c’è molto entusiasmo e si sono formati dei gruppi affiatati che stanno curando in maniera meticolosa tutti i settori del terziere, compresa la scuderia dove c’è un buon “vivaio” di cavalieri”.

Gli appuntamenti - Marco Matticari (responsabile coreografico ente Corsa)  Tanti eventi tra tradizione e novità - “Vorrei ringraziare innanzitutto tutte quelle realtà e gruppi rievocativi interni  alla nostra festa, che hanno contribuito a riempire di qualità e  varietà il programma di eventi e spettacoli per tutti i giorni della  Corsa all’Anello ed a diverse fasce orarie, nel rispetto di tanto  impegno di contradaioli ed appassionati volontari. In programma ci saranno tre nuove  mostre: la mostra sui toponimi del vasto territorio narnese e la  mercatura del libro antico alla biblioteca diocesana e la mostra del  costume delle città storiche italiane al museo Eroli. In programma anche il lancio di  una originale iniziativa editoriale : i “Quaderni dell’Anello”, un modo per fissare nel tempo e tramandare studi, ricerche e varie produzioni, sui tanti aspetti della nostra manifestazione. Ci sarà anche il tradizionale mercato medievale che avrà un taglio ancora più spiccato in favore della qualità della rievocazione storica, valorizzando un artigianato autentico verso la riscoperta di antichi ed affascinanti mestieri. Largo spazio infine a concerti corali e strumentali ed alla recitazione, mescolati a spettacoli di piazza, animazioni e momenti ludici e didattici per  avvicinare i più piccoli e le famiglie alle tradizioni della Corsa all’Anello”.

 

 

 

 

 

NARNI - Oggi, venerdi' 26 aprile alle 17,30, dal bookshop di Palazzo Eroli - in diretta streaming su www.cronache24.it - la prima puntata di "PARLIAMO DI CORSA", la trasmissione della redazione di www.cronache24.it sulla Corsa all'Anello. 
Ospiti in studio: il sindaco FRANCESCO DE REBOTTI, l'assessore alla Cultura GIANNI GIOMBOLINI, il segretario generale dell'ente corsa CARLO CAPOTOSTI, il responsabile delle pubbliche relazioni dell'ente corsa FRANCESCO CABIATI, i priori di Mezule, GABRIELE CHIERUZZI, Fraporta, FEDERICO SERNICOLA, e Santa Maria PAOLO PAGNANELLI.

Per la diretta http://www.cronache24.it/speciali/item/2362-parliamo-di-corsa-diretta-streaming   oppure vai alla home page di www.cronache24.it e clicca sull'apposito bottone nel banner "SPECIALE CORSA ALL'ANELLO 2013 /"Parliamo di Corsa"

Prossimi appuntamenti con "PARLIAMO DI CORSA" il 2 maggio e il 10 maggio. 

NARNI - Riceviamo e pubblichiamo un contributo inviato alla redazione dal terziere Fraporta:

"Finalmente ci siamo. Si apre la 45ma edizione della Corsa all’Anello e per Fraporta si va a concretizzare quanto preparato nell’ultimo anno. Fatica, sudore, ansie troveranno il giusto punto di sintesi. Si alza il sipario e lo spettacolo inizia. Molti di noi sono al lavoro praticamente dal termine della scorsa edizione. La sartoria, ad esempio che oltre alla manutenzione all’esistente stupisce ogni volta con nuove creazioni, nel rispetto delle fonti iconografiche. Un lavoro oscuro che troverà degno palcoscenico la sera del sabato del corteo. Nessun dubbio sul fatto che Fraporta saprà onorare questo appuntamento come è nella sua tradizione. Il gruppo musici e la scuola dei piccoli è un’ autentica fucina di talenti, una linfa vitale, il futuro, la Fraporta che verrà. Intanto quest’anno si sono fatti promotori di una splendida iniziativa che coinvolgerà tutto il Terziere in un progetto di testimonianza storica.

“Fraporta racconta” è una mostra video-fotografica e di costume che parte dal tema dei musici ma che si svilupperà, negli anni a seguire, in un racconto a 360 gradi su tutta la storia del nostro Terziere. La si potrà visitare nei locali antistanti il Teatro Comunale, proprio all’inizio di piazza dei Priori. E’ un progetto ambizioso ma a noi le sfide sono sempre piaciute. La scuderia, rinnovata nell’organico due anni fa, si prepara a difendere i nostri colori per la seconda volta. C’è fiducia, non potrebbe essere altrimenti, voglia di competere, VOGLIA DI VINCERE.. Edoardo Secondi, Federico Scatolini e Alfiero Capiani, sono i nomi dei nostri cavalieri che, nei prossimi giorni, decideranno chi tra Little Joy, Perigal, Birra Rossa, Manier, Diablo e Receptivo scenderà in campo con loro completando così i binomi.

L’hostaria è pronta ad accogliere quanti vorranno mangiare in una cornice suggestiva dove odori e sapori si mescolano creando un ambiente unico e particolare. Il settore coreografico, per questa edizione, ha decisamente puntato al recupero di quella vocazione altamente spettacolare che per anni è stato il nostro biglietto da visita, la caratteristica della nostra Giornata Medievale. Così lasciati gli angusti vicoli Fraporta, il primo maggio, si riappropria del suo spazio simbolo, torna a fare la manifestazione in piazza dei Priori, dove una normalissima giornata di mercato sarà improvvisamente turbata da “giochi Pericolosi”. Particolare cura è stata riposta nell’imbandieramento e nell’ampliare la proposta della ricostruzione di ambienti”. La meravigliosa San Francesco, la chiesa del nostro terziere, fa da punto di partenza ad un percorso che ci trasporta nella Narni del trecento.

Lungo la via che porta in P.za dei priori, è stata ricostruita la bottega e l'abitazione dello Speziale, uno dei mestieri più diffusi dell'epoca. Sulla destra si apre L.go San Francesco da cui si scende versol’imbocco della moderna Hostaria. Qui che si potranno visitare una tipica locanda, luogo di ritrovo ma anche di sosta dei viandanti, il falegname, indaffarato tra chiodi, martelli, tornio e pialla ed ancora il ceraro, intento nella produzione di candele in pura cera d'ape e nella vendita del prodotto finito. Infine, passeggiando lungo Via del Campanile, potrete ammirare la bottega dove il pittore, tra bozzetti, tele, colori e pennelli, passava le sue giornate. Questo è la nostra proposta , quella di un Terziere che è vivo, pronto a raccogliere nuove sfide e lanciarne, sempre con l’obiettivo di migliorare e migliorarsi".

Pagina 1 di 61
EOF