Sociale
Alacris
Sociale

TERNI – Violenta lite all’esterno di un bar San Giovanni dove tre rumeni e due italiani sono venuti alle mani a causa delle slot machine. La polizia è intervenuta sul posto portando i tre stranieri in questura ed arrestandoli per lesioni pluriaggravate dai futili motivi e dal lancio di oggetti contundenti, tra cui un casco e delle sedie. Si tratta di tre giovani di 27, 24 e 20 anni, uno dei quali già con precedenti di polizia per reati contro la persona. I due italiani, fratelli, sono stati costretti a ricorrere alle cure del pronto soccorso del Santa Maria, uno di loro potrebbe avere lo zigomo fratturato. Il fatto è avvenuto intorno alle 8 del mattina di lunedì 5 dicembre, quando i tre rumeni sono entrati nel locale ed hanno iniziato a giocare alle slot e a bere birra.

Secondo la ricostruzione della questura, i due italiani, entrati per fare colazione, avrebbero chiesto agli stranieri di abbassare i toni, non urlare e di assumere comportamenti più consoni. I tre avrebbero risposto male alle richieste e da lì sarebbe nata la rissa degenerata fuori dal bar con lancio di seggiolini, aggressioni e tavoli messi a soqquadro.Sarebbero infatti state proprio le macchinette elettroniche a far degenerare la situazione. Verso le 8 di questa mattina in seguito a diverse segnalazioni al 113 personale della Squadra Volante è intervenuto in un bar ubicato nel quartiere San Giovanni dove era in corso una violenta lite tra tre cittadini rumeni e due italiani. La situazione non ha avuto più gravi conseguenze grazie al tempestivo intervento di delle Volanti della Polizia di Stato.

I poliziotti, Dopo aver riportato la calma, hanno accertato che la lite era scaturita dal fatto che i tre rumeni del 89, 92 e 96 residenti a Terni, si sono recati al bar sin dalle prime ore del mattino ed avrebbero iniziato a giocare con le slot machine e a bere birra. Verso le 8,00 a seguito di comportamenti molesti i due fratelli italiani, recatisi al bar a fare colazione, li avrebbero invitati a tenere un comportamento più consono e a non urlare. A quel punto i tre, probabilmente alterati dall’alcol, hanno replicato e di lì a poco la situazione è rapidamente degenerata fino ad arrivare alle mani. La violenta lite si è poi spostata all’esterno del bar con sedie e tavoli messi a soqquadro. “Sulla base degli accertamenti svolti da personale dell’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico, sentito il pm di turno dott. Raffaele Iannella – dice una nota della questura -   i tre rumeni sono stati tratti in arresto. Uno di loro svolge attività di cameriere in un bar del centro mentre gli altri due risultano disoccupati, uno dei tre è già gravato da precedenti di polizia per reati contro la persona”. I tre arrestati saranno giudicati domani mattina in tribunale con rito per direttissima.

ROMA - Continua e si rafforza la fuga degli italiani all'estero: nel 2016 ben 124.076 persone sono espatriate, in aumento del 15,4% rispetto al 2015. E ad aumentare sono soprattutto i giovani: oltre il 39% di chi ha lasciato l'Italia nell'ultimo anno ha tra i 18 e i 34 anni (+23,3%). Il 9,7% ha tra 50 e 64 anni e sono i "disoccupati senza speranza" rimasti senza lavoro. Dal 2006, la mobilità italiana è aumentata del 60,1%. E' quanto emerge dal Rapporto Italiani nel Mondo 2017 di Migrantes.

Le partenze non sono individuali ma di "famiglia", intendendo sia il nucleo familiare più ristretto, ovvero quello che comprende i minori (oltre il 20%, di cui il 12,9% ha meno di 10 anni) sia la famiglia "allargata", quella cioè in cui i genitori - ormai oltre la soglia dei 65 anni - diventano "accompagnatori e sostenitori" del progetto migratorio dei figli (il 5,2% del totale). Le donne sono meno numerose in tutte le classi di età ad esclusione di quella degli over 85 anni (358 donne rispetto a 222 uomini): si tratta soprattutto di vedove che rispondono alla speranza di vita più lunga delle donne in generale rispetto agli uomini.

Il continente prioritariamente scelto da chi ha spostato la sua residenza fuori dell'Italia nel corso del 2016 è stato quello europeo, seguito dall'America Settentrionale. Rispetto allo scorso anno, quando la Germania era stata la meta preferita, quest'anno il Regno Unito registra un primato assoluto tra tutte le destinazioni, seguito da Germania, Svizzera, Francia, Brasile e Usa. La Lombardia, con quasi 23 mila partenze, si conferma la prima regione per partenze, seguita dal Veneto (11.611), dalla Sicilia (11.501), dal Lazio (11.114) e dal Piemonte (9.022). C'è però una regione che presenta un dato negativo, ed è il Friuli Venezia Giulia, da cui nell'ultimo anno sono partite 300 persone in meno (-7,3%).

Sono quasi 5 milioni, al primo gennaio 2017, gli italiani che vivono all'estero secondo i dati delle iscrizioni all'Aire (Anagrafe degli italiani residenti all'estero). Per la precisione, sono 4.973.942, che costituiscono l'8,2% degli oltre 60,5 milioni di residenti in Italia alla stessa data. Un numero che è costantemente aumentato negli anni (nel 2006 erano poco più di 3 milioni, +60,1%). E' quanto si legge nel Rapporto Italiani nel Mondo 2017 di Migrantes, presentato oggi a Roma. Oltre la metà risiede in un Paese europeo, ma le comunità italiane più numerose sono in Argentina (804mila), Germania (724mila) e Svizzera (606mila). E' il Regno Unito, comunque, il Paese che ha visto aumentare le iscrizioni all'Aire (+27.602 nell'ultimo anno). Più della metà degli italiani residenti all'estero provengono da regioni del Sud. Aumentano i single, scendono i coniugati. In crescita anche gli italiani nati all'estero: dai circa 1,7 milioni del 2014 ai quasi 2 milioni del 2017.

TERNI – La polizia ha arrestato una coppia di italiani pluripregiudicati, una napoletana di 36 anni e un romano di 41, per aver rubato in un supermercato. I due erano stati visti attraverso le telecamere a circuito chiuso mentre toglievano dalle confezioni numerosi cosmetici, per un valore di centinaia di euro, nascondendoseli addosso e in borsa, per poi pagare alla cassa solo una confezione di candeggina. E’ arrivata una pattuglia della volante che li ha arrestati. Durante la perquisizione domiciliare sono saltati fuori altri generi alimentari rubati sempre lo stesso giorno in un altro supermercato cittadino. Ieri mattina (27 febbraio), nel rito direttissimo, il giudice ha convalidato l’arresto, rimandando il processo, su richiesta del difensore.

Ci sono diversi vantaggi di uno stile di vita sano. Ma possono rimedi aiutarci? E 'facile per gli americani per ottenere rimedi on-line. Com'è possibile? Di solito, se avete perso l'attrazione ad un partner specifico, rimedi come Kamagra per migliorare la potenza è improbabile per aiutarlo a tornare. A proposito di "Kamagra Oral Jelly UK" e "Kamagra Oral Jelly consegna al giorno successivo"? Quello che gli esperti parlano di "Kamagra da India"? Altra domanda che dovremmo è "Kamagra consegna al giorno successivo". Una classe comune di antidepressivi, che comprendono Lexapro, può causare disfunzioni sessuali. Alcuni farmaci non sono adatti per le persone con alcune condizioni, e betweentimes un droga può essere usato solo se è preso cura supplementare. Se avete bisogno di consigli su Kamagra, uno dei medici farà farmaci accessibili che sono adatti per voi di prendere. Sarà quindi in grado di acquistare il medicamento.

EOF