Sociale
Alacris
Sociale

TERNI - Ruba per noia una bicicletta, ma il proprietario la riconosce e lo fa denunciare dalla polizia. E' successo in centro, protagonista un minorenne rumeno che ha candidamente confessato agli agenti della volante di aver agito per noia. Accompagnato in questura, insieme ad altri due amici, risultati estranei al fatto, il minore ha ammesso di aver rubato la bicicletta e per questo è stato denunciato per furto e riaffidato ai genitori. 

Un ternano di 58 anni è stato invece arrestato per evasione dalla detenzione domiciliare, disposta dal Tribunale di Terni per i reati di violenza privata e interruzione di pubblico servizio. L’uomo che ieri non è stato trovato nella sua abitazione è stato arrestato e nei suoi confronti è stata applicata la misura più grave degli arresti domiciliari. Nella notte fra il 9 e il 10 settembre la Volante è intervenuta in due casi su richiesta di due coppie di genitori che non avevano visto i figli rientrare. Gli agenti hanno rintracciato i ragazzi, tre ternani, in due parchi cittadini, completamente ubriachi. Due sono stati riaffidati ai genitori, uno è stato accompagnato al Pronto Soccorso e tutte e tre sono stati segnalati per ubriachezza in luogo pubblico.

E’ stato segnalato come assuntore alla locale Prefettura, invece, un infermiere ternano, fermato ad un posto di controllo dagli agenti del Reparto Prevenzione Crimine. Alla guida della sua auto, è stato trovato in possesso di 3 grammi di hashish, oltre alla segnalazione, è scattato anche il ritiro della patente di guida. Un’attività di prevenzione intensa quella della Polizia ternana, un controllo del territorio capillare finalizzato ad intercettare, tra l’altro, proprio quegli individui che arrivano in città con il solo fine di commettere reati, soprattutto reati predatori, come i furti in appartamento.

Un’attività intensa e continua, che solo ieri ha portato all’allontanamento con Foglio di Via Obbligatorio di un cittadino rumeno che è stato sorpreso in via Di Vittorio, a bordo di un’auto con targa francese, fermo in attesa. Dai controlli al terminale è risultato proveniente da un campo nomadi della capitale e con numerosi precedenti penali per furto con scasso, uno commesso a Viterbo lo scorso luglio. L’uomo, che non è stato in grado di fornire spiegazioni in merito alla sua presenza a Terni, è stato munito di Foglio di Via Obbligatorio; si ritiene che fosse in attesa di alcuni complici arrivati con lui per fare un sopralluogo nella zona e che si sono dileguati alla vista della Volante.

Ed è proprio in questo tipo di attività che si rivela ancora una volta preziosa la collaborazione dei cittadini residenti, che “vivendo” il quartiere hanno l’immediata percezione delle situazioni anomale o poco chiare. Le loro segnalazioni e il tempestivo intervento della Polizia permettono continuamente, in molti casi, di sventare furti e di prevenire reati, facendo allontanare le persone sospette.

Infine, all’avvio oggi una serie di incontri tra la Polizia di Stato ternana, nella persona del Dirigente dell’Ufficio Prevenzione e Soccorso Pubblico, il Vice Questore Aggiunto Giuseppe Taschetti, e gli insegnanti dell’Istituto Comprensorio “Giovanni XXIII” di Borgo Rivo per illustrare i percorsi di intervento nel segnalare situazioni di disagio familiare e minorile, nell’ambito del progetto di educazione alla legalità e di tutela dell’infanzia e dell’adolescenza.

NARNI (redazione) - Si stacca una bicicletta dal porta bici e provoca un tamponamento fra tre auto. È successo il giorno di Ferragosto, lungo il raccordo autostradale Terni-Orte, dove una donna incinta di origini marocchine è stata costretta a recarsi in ospedale per una forte botta subita alla spalla. La donna era in auto con il marito, anch'egli marocchino, quando la loro vettura non è riuscita ad evitare l'impatto con un'auto che la precedeva e che a sua volta ha sbandato per non essere colpita dalla bici caduta da una terza vettura. Il fatto si è verificato intorno alle 17 vicino all'uscita per Narni Scalo e San Gemini. L'incidente ha provocato lunghe code arrivate ad oltre 2 chilometri. 
 

NARNI - Una storia legata alla sicurezza stradale quando si va in bici, un racconto per spiegare e capire come ci si comporta sulla strada, quali sono i rischi e i pericoli e alla fine insegnare ai giovani il rispetto per la strada, per il prossimo e per l'ambiente. Tutto questo non solo in auto ma anche in bicicletta. E' con questo spirito che la scuola "Primo Levi" di Ponte San Lorenzo ha aderito al progetto della Gazzetta dello Sport e della polizia di stato in occasione del prossimo Giro d'Italia.

Il progetto è partito il 10 marzo ed è finalizzato ad educare i giovani sull'importanza del rispetto delle norme del codice stradale e sull'uso della bicicletta come mezzo ecologico. A questo si aggiungono anche corsi e lezioni sulla giusta alimentazione con prodotti di stagione. I ragazzi, guidati dalla professoressa Laura Befani, hanno finora incontrato due agenti della stradale sulle regole da tenere quando si va in strada con la bici. Gli studenti successivamente scriveranno una storia in rima dove racconteranno i loro comportamenti alimentari a tavola.

MONTECCHIO - Quattro comuni capoluogo e due frazioni con lo stesso toponimo tutti insieme per la Cicloturistica in mountain bike dei Montecchio d’Italia. L’evento si svolgerà domenica 21 maggio a Montecchio di Terni, organizzato dalla pro loco in collaborazione con il Comune e l’associazione sportiva dilettantistica Dario Bianchi di Castiglione in Teverina. Affascinante il percorso che si snoderà lungo i sentieri sterrati tra i boschi, gli oliveti e i vigneti della zona, toccando, tra gli altri, il parco Le Colonie, il Pian dell’Ara, l’Osservatorio forestale, il parco dell’Elce bello nonché Parco archeologico del Vallone San Lorenzo.

La manifestazione rientra nelle attività socioculturali e ricreative dell’ormai pluriennale gemellaggio tra i quattro capoluoghi comunali italiani aventi identico toponimo: Montecchio (Terni), Montecchio Maggiore (Vicenza), Montecchio Emilia (Reggio Emilia) e Montecchio Precalcino (Vicenza), cui quest’anno si aggiungeranno le rappresentanze di Montecchio (Comune di Cortona, Arezzo) e Montecchio (Comune di Giano dell’Umbria, Perugia).

La Cicloturistica non ha carattere competitivo, è infatti un’occasione di promozione turistica alla scoperta di luoghi suggestivi e incontaminati, di valorizzazione dei prodotti tipici del territorio e di sano relax cui tutti – giovani e meno giovani, allenati e meno allenati – sono invitati a partecipare. I percorsi a disposizione dei ciclisti sono due: il primo, per amatori, ha una lunghezza pari a 25 km e presenta 500 metri di dislivello; il secondo, per ciclisti esperti, ha una lunghezza pari a 39 km e presenta 1.200 metri di dislivello.

Per i partecipantisono stati allestiti punti di ristoro lungo il tracciato. La partenza e l’arrivo di ambedue i percorsi sono fissati in Piazza Garibaldi, dove la pro loco offrirà un pranzo a tutti i partecipanti e ai loro familiari e accompagnatori. Successivamente verranno assegnati dei riconoscimenti ai partecipanti e si apriranno i mercatini artigianali dislocati lungo le vie del centro storico in occasione della festa di San Bernardino.

L’organizzazione ricorda che le iscrizioni alla Cicloturistica terminano oggi e che  ai primi cento iscritti sarà dato in omaggio un pacco gara contenente prodotti tipici locali. Sarà tuttavia possibile iscriversi anche nel corso della mattinata del 21 maggio, prima delle 9. Tutte le info ahttps://www.facebook.com/Cicloturistica-Montecchio-dItalia-1916826795220506/

TERNI - Riconosce la sua bicicletta rubata con in sella il ladro, lo insegue e lo fa prendere dalla polizia. Ieri pomeriggio una signora residente a Terni  mentre transitava in strada della Romita ha visto un uomo in sella alla sua bicicletta elettrica per la quale circa un mese fa aveva sporto denuncia di furto. La donna non si è persa d’animo, ha chiamato subito il 113 e, rimanendo in linea con l’operatore della polizia, ha seguito l’uomo fino all’arrivo della volante che lo ha subito bloccato.

Il giovane è stato identificato per un ternano del 1974 già gravato da precedenti per reati contro il patrimonio ed in materia di stupefacenti. Il ragazzo ha provato a giustificare il possesso della bici dicendo di averla acquistata da uno uomo non meglio indicato. E’ stata effettuata una perquisizione domiciliare a casa del giovane nel corso della quale sono stati rinvenuti degli accessori della bicicletta. Sia la bici che gli accessori sono stati restituiti alla legittima proprietaria, l’uomo è stato denunciato per ricettazione.

Pagina 1 di 2
EOF