Cronache 24 - Notizie Narni
Notizie Narni

NARNI - I consiglieri Giacomo Leonelli (Pd) e Attilio Solinas (misto Mdp) chiedono all'esecutivo di Palazzo Donini di sostenere il Comune di Narni nella richiesta di installazione delle barriere antirumore sulla E45 all'altezza di San Liberato. Per Leonelli e Solinas “in quel tratto si registrano notevoli volumi di traffico” ma il Comune non sarebbe riuscito ad ottenere dall'Anas l'avvio dei lavori.

Leonelli e Solinas spiegano che “la frazione di San Liberato si sviluppa accanto e lungo tutto il tracciato della E45 su cui si registrano notevoli volumi di traffico. Per questo motivo la frazione narnese necessita della realizzazione delle barriere antirumore e ulteriori rinvii dopo un’attesa pluridecennale sarebbero ingiustificabili. Negli altri tratti umbri della E45 e nei tracciati realizzati recentemente (come il collegamento Spoleto – Foligno) le barriere e le protezioni antirumore sono state parte integrante dell’intervento viario”.

I consiglieri regionali rilevano infine che “seppur prevista negli investimenti di Anas, la realizzazione delle barriere a San Liberato dovrà probabilmente attendere ancora diversi anni prima della sua presunta realizzazione. Il Comune più volte ha tentato di anticipare i tempi di istallazione delle barriere, ipotizzando anche un anticipo delle risorse economiche pur di realizzare l'opera in tempi brevi. Ad oggi però non sembrano esserci soluzioni congrue e rapide ad una richiesta più volte sollecitata dalla cittadinanza. L’Amministrazione comunale sta pianificando nel brevissimo periodo nuove indagini ambientali per avere un ulteriore riscontro scientifico che dimostri quanto l'intervento sia urgente”.

Published in Cronaca

NARNI - Un marocchino di 26 anni è stato condannato a 2 anni e 8 mesi di carcere per avere, secondo il giudice, usato violenza sessuale nei confronti di una donna di 30 anni seguita dai servizi sociali. Il fatto risale al 2015 quando, secondo la sentenza di condanna, al parcheggio del Suffragio l'uomo abusò della ragazza che chiamò subito i carabinieri. La donna e il marocchino, che è attualmente irreperibile, si erano conosciuti pochi giorni prima e si era incontrati nelle vicinanze del parcheggio principale della xittà. L'imputato, difeso dall'avvocato Mattiangeli del foro di Terni, si è sempre dichiarato innocente poiché, secondo la difesa, il rapporto sarebbe stato consenziente. L'avvocato non esclude ricorso in appello. 

Published in Cronaca

NARNI – “Nel nostro comune non esiste nessuna trappola nella tassa dei rifiuti e non abbiamo replicato alcun conteggio”. A dirlo è l’assessore al bilancio, Silvia Tiberti, che interviene sulla vicenda degli importi Tari gonfiato in alcuni comuni italiani. “Vogliamo – dice l’assessore – fare chiarezza perché Narni non è tra quei comuni che hanno replicato il conteggio anche sulle pertinenze, moltiplicando il costo della tariffa”.

La Tiberti ricorda la delibera del 2006 nella quale si disciplinava il conteggio delle utenze domestiche. “Si specificava – puntualizza – che era opportuno e maggiormente equo nei confronti dei cittadini, utilizzare la prassi di applicare per le suddette pertinenze esclusivamente la parte fissa, in quanto pareva inappropriato calcolare, più di una volta per ciascun utente, la quota variabile che si riferisce al numero dei componenti della del nucleo famigliare, ed è il parametro utilizzato per definire la quantità di rifiuti prodotti.

Una impostazione che è stata ribadita anche dalla delibera del Consiglio comunale di marzo 2017 che, sempre per le utenze domestiche, ha specificato di mantenere la prassi istituita con la precedente delibera di sette anni prima e di applicare quindi per le pertinenze delle abitazioni (cantine, garage etc.) esclusivamente la parte fissa”. Secondo quanto riferisce l’assessore al bilancio, la parte variabile della Tari viene calcolata una sola volta per ogni nucleo familiare anche in presenza di pertinenze.

“I consiglieri che oggi ingenerano dubbi sulla corretta applicazione Tari – conclude la Tiberti - e sul presunto errore che potrebbe nascondersi dietro l’applicazione delle aliquote della stessa,  rischiano al contempo di ingenerare false speranze di rimborso nei contribuenti. Sarebbe bastato ai consiglieri in questione rileggere con attenzione le delibere che da undici anni, senza variazioni, il Comune ha adottato in materia e che non lasciano dubbi di interpretazione”. 

Published in Cronaca

NARNI – Il consigliere di Tpn Sandro Amici interviene sull’ennesimo incidente mortale lungo la Flaminia e inneggia a politiche diverse per far capire che la strada non può essere una pista. “La stragrande maggioranza dei motociclisti che nei week end attraversano la Flaminia da Ponte Sanguinaro alla Tiberina rispettano i limiti e non sono l'argomento di discussione – dice – ma, e sfido chiunque vive in quei posti, capita con frequenza eccessiva di notare motociclisti che corrono, si sorpassano pericolosamente mettendo a repentaglio la loro e la vita degli ignari passanti, pensando di trovarsi in una pista di gara. Per vincere questa battaglia bisogna fare quello che dice Severgnini e cioè far capire con azioni adeguate che è benvenuto chi viene a fare una passeggiata ma non chi viene a correre”.

Published in Cronaca

NARNI - Ennesimo, tragico, schianto sulla Flaminia dove un motociclista di 30 anni di Poggio Mirteto, Davide Vendemiati, questo il suo nome, ha perso la vita dopo essersi scontrato con un'auto. L'incidente si è verificato nel pomeriggio di domenica 12 novembre lungo la strada che da Gualdo prosegue verso Otricoli e il Lazio.

Nello scontro il 30enne ha avuto la peggio morendo praticamente sul colpo. Inutili i tentativi di salvargli la vita da parte dei medici del 118 accorsi sul posto insieme ai carabinieri che adesso stanno lavorando per ricostruire nel dettaglio dinamica e cause dello scontro mortale. 

Published in Cronaca
EOF