Cronache 24 - Notizie Narni
Notizie Narni

NARNI - Il fenomeno dell'abbandono di rifuti comincia ad avvicinarsi anche ai centri urbani. Piuttosto difuso nelle campagne del narnese, adesso il problema delle mini discariche si comincia a fars entire anche vicino al centro storico. E' il caso, ad esempio, di Santa Margherita, quartiere della zona alta, quella del Monte, dove i cittadini lamentano il fatto che ci siano persone incuranti dell'ambiente e delle regole.

A Santa Margherita, stando ad alcuni residenti che lanciano l'allarme, ci sarebbero cumuli di rifiuti che non verrebbero smaltiti nella maniera corretta ed è da qui che i residenti chiedono l'intervento del Comune. Pochi anni fa, sempre in quel quartiere scoppiò un caso molto pesante. Nei sotterranei degli edifici di residenza pubblica furono infatti trovati molti cumuli di rifiuti di ogni genere. Il Comune intervenne per ripulire ma poco dopo il problema rispuntò, segno che i responsabili erano ancora liberi di farlo. 

Meno liberi invece sono quelli beccati in questi giorni a Nera Montoro dove le guardie ambientali di Collescipoli sono risaliti ai responsabili di un abbandono di rifiuti. Per loro è scattata la multa salata con conseguente plauso del sindaco, Francesco de Rebotti, all'operato dei controllori. "Un lavoro complicato ma che da i suoi frutti - scrive de Rebotti sul suo profilo facebook - sempre alle costole dei pochi incivili ai quali speriamo per lo meno la tasca faccia male male e che ne traggano insegnamento. Grazie alla squadra delle Guardie Eco Zoofile di Collescipoli tutti i giorni sul campo". 

Published in Ambiente

AMELIA - Asili a costi ridotti e sgravi sulla tariffa rifiuti sono le decisioni assunte dall’amministrazione comunale che ha pubblicato i bandi per l’accesso alle agevolazioni riservate a chi ha redditi bassi e particolari condizioni sociali e famigliari.

Lo rende noto l’assessore alle politiche sociali, bilancio e tributi, Antonella Sensini, che spiega il contenuto delle misure varate dalla giunta Pernazza. “I tempi di attuazione di alcuni provvedimenti si dilatano a causa di notevoli complessità burocratiche – afferma - ma il senso di responsabilità di questa amministrazione per i cittadini, soprattutto quelli più svantaggiati, è stato da sempre un punto nodale delle attività di governo. Anche gli ultimi atti deliberati vanno in questo senso”. Il bando dei voucher, attivo sino al 24 agosto, darà la possibilità a 20 famiglie con bambini tra i 3 ed i 36 mesi e con un Isee al sotto dei 18mila euro, di usufruire di una riduzione della tariffa per i servizi all'infanzia.

“Il sistema – spiega l’assessore – permetterà di pagare quanto previsto per il nido comunale e di scegliere la struttura che si preferisce, a prescindere dal reddito di cui si dispone”. Tra le condizioni che aumenteranno il punteggio c’è la presenza nel nucleo famigliare di altri figli, la condizione di nucleo monogenitoriale, una invalidità grave, l’iscrizione dei figli nelle strutture di Amelia, oppure l’anzianità di residenza.

Agevolazioni invece fino al 50% per la Tari a favore delle famiglie più fragili e con Isee molto basso per le quali la somma totale messa a disposizione dal Comune è di 10mila euro. La richiesta potrà essere presentata fino al 4 settembre compilando un apposito modulo reperibile agli uffici comunali, oppure on line sul sito del Comune. Le domande accolte andranno a generare una graduatoria i cui vincitori beneficeranno delle integrazioni o degli sgravi.

“Un altro bando pubblicato in questi giorni – informa sempre l’assessore Sensini - è la locazione dell’immobile dell'asilo nido, per il quale ci sono state ben sei manifestazioni di interesse”. L'assessore sottolinea poi che la Provincia di Terni, per conto del Comune di Amelia, ha pubblicato la gara d’appalto, valevole tre anni, del servizio mensa scolastica stanziando una cifra che sfiora il milione di euro. “Per continuare ad usufruire del servizio – ricorda la Sensini - sarà necessario essere in regola con i pagamenti degli anni pregressi o con le rateizzazioni concordate.

Il rispetto dei pagamenti dovrà essere un impegno condiviso con le famiglie – conclude - affinché tutti ne possano usufruire senza andare a discapito di nessuno. In questo modo eviteremo di generare ritardi con i pagamenti alle ditte appaltatrici e garantiremo una gestione più sana della cosa pubblica”. 

Published in Cronaca

TERNI - Un imprenditore marocchino, autorizzato al trasporto dei rifiuti, è stato denunciato dai carabinieri forestali per aver abbandonato dieci congelatori esausti in un bosco nelle vicinanze di Marmore, a Terni, risparmiando cosi sia sullo smaltimento che sui costi del viaggio per il conferimento ad un centro autorizzato, Il materiale scoperto lungo la strada statale 79 - riferisce l'Arma - era composto da grandi congelatori-espositori, solitamente utilizzati negli esercizi commerciali di surgelati, che in base alla normativa ambientale si classificano come rifiuti provenienti da apparecchiature elettriche ed elettroniche potenzialmente pericolosi per l'ambiente in quanto possono contenere 'freon', il fluido refrigerante ritenuto estremamente dannoso per l'ozono, il cui utilizzo è stato vietato dal protocollo di Montreal del 1990.

Ai congelatori erano stati rimossi i motori ed erano state abrase le etichette che riportano il numero di serie. L'esame dei rifiuti ha però fatto rilevare la matricola su un congelatore con il marchio di una nota ditta di gelati. Tramite questo dato, dopo indagini e accertamenti, i militari sono risaliti al possessore dell'elettrodomestico, una ditta di surgelati con sede a Rieti. Questa società - è stato poi accertato - aveva ceduto i congelatori all'imprenditore marocchino, che invece di procedere al loro conferimento ad un centro autorizzato li ha abbandonati nel bosco, dopo aver provveduto a rimuovere i motori per recuperare i metalli che avevano un valore commerciale. All'uomo è stato contestato il reato di gestione illecita e abbandono di rifiuti. (ansa) 

Published in Ambiente

TERNI – Potrebbero esserci rifiuti speciali sotto il terreno di Gabelletta dove i carabinieri forestali di Terni hanno eseguito ieri alcune operazioni di scavo in un’area già posta sotto sequestro a fine maggio dalla magistratura. I materiali potrebbero derivare dalla precedente realizzazione di un vicino immobile. I militari - in base a quanto si apprende dagli investigatori - hanno rinvenuto del materiale edile, sul quale sono in corso ora verifiche per accertare la sua provenienza e la sua classificazione. I carabinieri forestali erano già intervenuti nel terreno a metà maggio per scandagliarlo con un geomagnetometro in grado di rilevare la presenza di eventuali materiali o sostanze sospette.

Published in Ambiente

TERNI - La Lega Nord Terni punta il dito contro il problema rifiuti nella frazione ternana di Miranda. I rappresentanti del carroccio, su segnalazione dei residenti, mettono in evidenza i ritardi nella raccolta della differenziata "che avviene solo una volta ogni 10 giorni circa" e fonte di problematiche quali "bidoni traboccanti di immondizia nel bel mezzo della piazza principale, cattivi odori e l'accumularsi di insetti". In seguito a precedenti segnalazioni, gli operatori Asm sono intervenuti nella raccolta dei rifiuti. Ma a distanza di qualche giorno, come segnalato dai rappresentanti leghisti, la situazione è tornata quella di prima. "Con la stagione estiva - spiega Devid Maggiora, vicecoordinatore di Terni - la frazione di Miranda si riempie di abitanti non residenti in cerca di refrigerio dal caldo della città e, di conseguenza, aumenta la quantità di rifiuti prodotti. Se nel periodo estivo il servizio di raccolta avviene con la stessa frequenza di quello invernale, ecco che si verifica l'accumularsi indiscriminato di spazzatura. A farne le spese, come sempre in questo caso, sono i cittadini, costretti a convivere con discariche improvvisate intorno ai cassonetti e il gestore di un ristorante, obbligato a tenere per giorni l’immondizia sotto le finestre della cucina".

La Lega Nord ha ascoltato le istanze dei cittadini relative ad altre criticità: "Accanto alla piazza largo Battaglione Giovanni Manni - prosegue - vi sono alcuni raccoglitori speciali per pile esauste e medicinali scaduti che non verrebbero svuotati da anni e che rappresentano un pericolo per i bambini che potrebbero facilmente arrivare a prelevarne il contenuto. A pochi metri dalla piazza, inoltre, c'è un’area verde attrezzata con giochi per bambini, ma si tratta di strutture danneggiate e pericolanti. Ciò che appare pericoloso e che necessita di intervento urgente, è la presenza di un’ampia crepa presente sul muretto di contenimento sottostante i giardinetti stessi. Molto probabilmente, ad averla provocata, sono state le radici dei due pini presenti al lato delle altalene che hanno ormai raggiunto dimensioni esagerate. Il nostro timore è che, se non si interviene immediatamente con consistenti potature degli alberi o consolidamento del muretto, possa venire giù tutto. I borghi e le frazioni rappresentano un patrimonio enorme della nostra storia e della nostra cultura, da curare e tutelare con la dovuta attenzione".

 

Published in Altro in Provincia
Pagina 1 di 31
EOF