Cronache 24 - Notizie Narni
Notizie Narni

TERNI – Per motivi di sicurezza l’amministrazione provinciale ha istituito da ieri(31 luglio) il limite di velocità a 60 chilometri orari su alcuni tratti della SP 32 Pennese. L’ordinanza riguarda la porizione che va dal km 0+000 al km 2+300 corrispondente all’inizio del centro abitato. I tecnici del servizio viabilità, a seguito di sopralluogo, hanno verificato la presenza di numerosi attraversamenti a raso sia pubblici che per private abitazioni ed hanno evidenziato la necessità di garantire maggiore sicurezza per i pedoni abbassando la velocità di percorrenza consentita. Sulla SR 71 Umbro Casentinese invece l’amministrazione provinciale ha disposto il ripristino del limite di velocità a 50 chilometri orari. Il provvedimento è stato emesso a seguito dell’ultimazione dei lavori sul tratto di strada nel comune di Ficulle che va dal km 44+850 al km 45+350.

Published in Cronaca

TERNI – Mettere in rete e valorizzare il vasto patrimonio impiantistico dei Comuni dedicato a sport, tempo libero ed eventi. E’ con questo obiettivo che la Provincia di Terni, nell’ambito della riorganizzazione interna, ha attivato un nuovo ufficio a servizio dei Comuni dedicato all’utilizzazione e ottimizzazione degli impianti esistenti nelle realtà provinciali e alla promozione delle iniziative e degli eventi che vengono organizzati durante l’anno.

Con questo progetto la Provincia, nell’ambito della funzione di assistenza ai Comuni, svolgerà il ruolo di coordinamento e di punto di riferimento per le amministrazioni locali, mettendo a disposizione strutture e risorse ed attuando, inoltre, gli indirizzi delle leggi di riforma che assegnano ai nuovi enti funzioni di coordinamento di area vasta.

Il nuovo servizio opererà per aree territoriali omogenee in modo da sistematizzare e facilitare il rapporto fra la Provincia e i Comuni di quell’area. Il progetto è stato avviato ieri con una prima riunione fra l’amministrazione provinciale (presenti il presidente, Giampiero Lattanzi, il dirigente del servizio, Maurizio Agrò, e i responsabili del settore) con i sindaci della Valnerina (Arrone, Ferentillo, Montefranco e Polino), i quali hanno manifestato grande apprezzamento per l’iniziativa dell’ente “che – hanno detto – offre alle piccole realtà locali un importante strumento per accrescere i modelli di gestione degli impianti e il livello di promozione del territorio anche sotto questo aspetto”. Prossimamente, da parte della Provincia, saranno organizzati nuovi incontri con gli altri comuni del territorio provinciale.

Published in Cronaca

TERNI – “E’ un segnale positivo che indica almeno una prima presa di coscienza concreta, e non a parole, del governo rispetto alla situazione dei servizi erogati dalle Province”. Lo afferma il presidente della Provincia, Giampiero Lattanzi, a proposito dell’impegno del governo a garantire per il 2017 100 milioni per Province e Città metropolitane. L’annuncio è stato dato ieri in tardo pomeriggio dalla sottosegretaria alla presidenza del consiglio dei ministri, Maria Elena Boschi, con un tweet.

“I passi che attendiamo adesso – dice il presidente - sono la formalizzazione dello stanziamento e la ripartizione del fondo tra gli enti interessati alle misure del governo. Naturalmente – nota sempre Lattanzi - si tratta della dimostrazione di buona volontà del governo stesso, perché le risorse necessarie, come già detto più volte dal presidente nazionale dell’Upi Variati, sono superiori alla cifra annunciata ieri.

Pertanto, giudicando comunque positivamente l’iniziativa, auspico che questa sia solo l’inizio di un’inversione di tendenza che sfoci in una soluzione definitiva ed in grado di consentire alle Province di riprendere a gestire e garantire i servizi essenziali assegnati dalla legge Delrio”. Nel frattempo il governo, vista la situazione attuale, ha proposto lo slittamento del termine per l’approvazione dei bilanci delle Province al 30 settembre.

“Accogliamo la proposta - ha dichiarato ieri il rappresentante dell'Upi in Conferenza Stato Città, Nicola Valluzzi, presidente della Provincia di Potenza - ma se non si interviene con un provvedimento urgente con le risorse necessarie, questo mero spostamento sarà inutile. Ad oggi almeno 27 Province su 76 hanno già approvato un decreto presidenziale ricognitivo nel quale gli uffici finanziari certificano l'impossibilità di approvare il bilancio, per uno squilibrio che nel totale supera i 120 milioni di euro”.    

Published in Cronaca

NARNI – Provincia e Comune uniscono le forze contro le discariche abusive. Il patto, tacito, fra i due enti punta a ripulire i tratti delle strade provinciali ricadenti sul territorio comunale. Il metodo consiste nella segnalazione da parte della Provincia verso il Comune con il primo ente che si assume il compito di controllare le strade e segnalare la presenza di rifiuti smaltiti illecitamente. A quel punto, a seconda del tipo di discarica e della quantità di rifiuti, il compito di portarli via può essere assunto o direttamente dal Comune o dall’Asm di Terni che sul territorio narnese si occupa della gestione dei rifiuti. La collaborazione fra Provincia e Comune si aggiunge agli altri sistemi messi in atto dall’amministrazione comunale tra cui le telecamere in alcune zone periferiche e lontane e il supporto delle guardie ambientali volontarie.

Published in Ambiente

TERNI - L’approvazione in Senato della Legge di Conversione del dl50/17, la cosiddetta “Manovra”, non ha accolto le richieste avanzate dalle Province. A questo punto per il 2017 la situazione resta molto grave, se non drammatica”. Lo dice il presidente della Provincia, Giampiero Lattanzi, in linea con il nuovo allarme lanciato dal presidente dell’Upi nazionale, Achille Variati, e dalle altre Province italiane.

“Siamo nelle stesse condizioni di prima – aggiunge Lattanzi – anzi, la situazione di strade, scuole e altri servizi erogati dall’ente sta peggiorando, se possibile, e non abbiamo risorse per garantire nulla. A questo punto non escludiamo nemmeno, se necessario, decisioni eclatanti, così come avevano già paventato insieme all’Upi e alle altre Province”.

La Provincia di Terni ha attualmente di fondi propri appena 150mila euro per le manutenzioni ordinarie su una rete di quasi mille chilometri di strade fra regionali e provinciali ed ha solo 500 euro ad istituto scolastico per i 21 edifici dislocati su 98mila metri quadrati di superficie. Dichiarazioni di Variati – Il presidente dell’Upi nazionale è contrariato dal mancato accoglimento delle richieste avanzate a governo e Parlamento.

“Prendiamo atto – dice in un comunicato - che è mancata la volontà di risolvere la grave emergenza per i servizi assicurati dalle Province: un’emergenza causata da tagli irragionevoli e ingiustificati di cui evidentemente ancora non si vuole ammettere l’errore. Saranno i mancati servizi che inevitabilmente ne deriveranno, i diritti allo studio, alla mobilità, alla sicurezza, negati in questo modo ai cittadini, a mettere Governo e Parlamento di fronte alle loro responsabilità”.

Con la mancata erogazione delle risorse necessarie si continua a mettere in difficoltà la manutenzione e messa in sicurezza di 130 mila chilometri di strade e di 5.100 scuole superiori italiane. Il quadro della situazione vede il 41% delle scuole italiane in aree a rischio sismico, ma solo il 7,8% è costruita con criteri antisismici.

Quasi 5mila chilometri di strade provinciali è chiuso per frane e smottamenti e su almeno il 52% della rete viaria le Province sono state costrette ad inserire un limite di velocità tra i 30 e i 50 chilometri orari, perché le strade non sono sicure.

Published in Cronaca
Pagina 1 di 53
EOF