Cronache 24 - Notizie Narni
Notizie Narni

NARNI – Faceva praticamente il produttore di marijuana, un uomo di 64 annil, di origini spagnole, denunciato dai carabinieri di Narni dopo un controllo. I reati contestati dai militari dell’Arma sono coltivazione, produzione e detenzione di sostanze stupefacenti. L’uomo infatti, riferisce una nota dei carabinieri, utilizzando un terreno ubicato nei pressi della sua abitazione di Sant’Urbano, aveva deciso di darsi alla filiera diretta della marijuana. I carabinieri oltre a sequestrargli le 12 piante di marijuana, con altezza dai 40 agli 80 cm, che aveva in coltura gli trovavano a casa anche oltre 2mila semi e 40 grammi dello stesso stupefacente.

 

Published in Cronaca
Venerdì, 23 Giugno 2017 21:14

NARNI / RUBA SOLDI A UN COLLEGA: ARRESTATO

NARNI - Arrestato per aver rubato soldi a un collega di lavoro ma è stato scoperto dopo un servizio di controllo. L’attività era stata organizzata dai Carabinieri della Stazione di Narni (TR) che due giorni prima avevano ricevuto la denuncia di un 45enne del luogo che lamentava la sottrazione in più occasioni di denaro contante dal proprio portafoglio mentre era riposto all’interno dell’armadietto dello spogliatoio del suo posto di lavoro. I militari, dopo aver effettuato un accurato sopralluogo dei locali della ditta, predisponevano un servizio “invisibile” di osservazione e controllo che gli permetteva di bloccare il 54enne, originario di Narni (TR) e con precedenti di polizia, con ancora in mano la banconota che aveva “soffiato” dal portafoglio del collega denunciante. L’uomo, che con i precedenti furti si era impossessato di circa 3.500 €, veniva arrestato per furto aggravato ed, al termine delle relative verbalizzazioni, sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione. Nella giornata odierna, al termine del rito direttissimo nel corso del quale l’arresto veniva convalidato e l’udienza rinviata ai primi del prossimo mese, il giudice applicava nei suoi confronti la misura cautelare dell’obbligo di firma 3 volte alla settimana presso l’Arma di Narni (TR). Continua l’impegno dei Carabinieri, con tutte le sue componenti operative, nel contrasto ai reati contro il patrimonio già di per sé particolarmente invisi ai cittadini ed ancor più in questo caso in quanto commesso sul luogo di lavoro ed in danno di un collega.

Published in Cronaca

TERNI - I Carabinieri di Ferentillo hanno arrestato un 22enne del posto per maltrattamenti in famiglia: il giovane infatti è stato raggiunto da un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Terni sulla scorta delle indagini svolte proprio dai militari di quella Stazione.

Il ragazzo, disoccupato e con precedenti di polizia, come accertato dall’Arma di Ferentillo (TR) a seguito della denuncia sporta dai familiari all’inizio del 2016, sin dal fine del 2009 aveva avuto con i propri genitori un rapporto insostenibile costellato di frequenti litigi per futili motivi che erano sfociati, nell’abito delle mura domestiche, in ripetuti episodi di violenza nei confronti della madre. La puntuale ricostruzione della triste vicenda effettuata all’A.G. da parte dei Carabinieri, che hanno monitorato attentamente dal momento della denuncia l’evolversi della situazione, ha portato all’emissione del provvedimento restrittivo nei confronti del giovane autore che è stato associato alla Casa Circondariale di Terni.

Published in Cronaca

TERNI - Usavo il garage come centro di smistamento e smercio di droga ma i Carabinieri li hanno individiamo ed arrestati. Si tratta di due giovani ternani che avevano fatto del loro garage  un deposito e punto d’incontro per la cessione di marijuana a coetanei ed anche a più giovani. L’arresto è il frutto della continua presenza sul territorio dei militari dell’Arma ed in particolare di quelli della Stazione di Terni che, grazie all’ottimo rapporto instaurato con i cittadini sia con gli equipaggi automontati che con i Carabinieri di Quartiere, direttamente od indirettamente vengono a conoscenza delle situazioni anomale. Infatti i componenti di una pattuglia in divisa, avendo saputo che a Terni in zona Gabelletta i giovani si rifornivano di “droghe leggere”, notando un gruppetto di ragazzi fermi in strada davanti a dei garage decidevano di identificarli. Il palese nervosismo evidenziato nel corso del controllo dai giovani, una decina di ragazzi e ragazze di età compresa fra i 16 ed i 22 anni, dava conferma ai militari della bontà della loro intuizione. Accertato che fra gli identificati il più agitato era un 19enne studente ternano incensurato e che il gruppo sostava proprio davanti al garage della sua abitazione, i Carabinieri procedevano al controllo di quel locale. Ed è all’interno di un trolley nascosto dietro altre valige che rinvenivano un pacco di una ditta di spedizioni con dentro mezzo chilo di marijuana. Verificato che lo stupefacente, che era già suddiviso in cime pronte allo spaccio, era riconducibile anche ad un altro ragazzo del gruppo, un 22enne già noto alle FF.PP. di origine romana ma residente a Terni nel palazzo affianco, i due venivano tratti in arresto per concorso in detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e messi ai domiciliari presso le relative abitazioni in attesa dell’odierna udienza di convalida. L’operazione è il frutto dell’impegno convinto di tutti i Reparti dell’Arma per salvaguardare la salute di tutti i cittadini, soprattutto i più giovani, dai molteplici rischi connessi all’utilizzo delle sostanze stupefacenti.

Published in Cronaca

TERNI - È stato un "anno di intenso impegno, soprattutto nel campo della prevenzione e quando necessario della repressione", per i carabinieri della provincia di Terni, che ieri hanno festeggiato, come nel resto d'Italia, il 203/esimo anniversario della fondazione dell'Arma: a dirlo è stato il comandante provinciale, il colonnello Giovanni Capasso, nel corso delle celebrazioni svolte oggi pomeriggio nella sede del comando. Alla cerimonia, durante la quale sono stati anche consegnati i premi ai militari che si sono distinti in particolari operazioni di servizio, hanno preso parte le massime autorità cittadine civili e militari, tra cui il sindaco, Leopoldo Di Girolamo, il prefetto, Angela Pagliuca, e il vescovo, Giuseppe Piemontese.

Capasso ha ricordato che negli ultimi 12 mesi i carabinieri hanno perseguito oltre il 70% dei reati consumati sul territorio provinciale, ossia 4.923 su 6.830. Il personale delle 30 stazioni, dei tre nuclei operativi e radiomobile delle compagnie e del reparto operativo del comando provinciale, tra maggio 2016 e aprile 2017, ha denunciato complessivamente 1.064 persone, arrestato 118 persone (contro le 82 dell'anno precedente) e mantenuto sostanzialmente costante il numero dei servizi di controllo del territorio (da 22.073 a 22.324 attuali).

Particolare attenzione è stata posta non solo alla strategia della sicurezza partecipata e alle campagne di informazione verso le fasce più deboli, ma anche alla repressione del traffico di sostanze stupefacenti, con il sequestro di oltre 630 chili di droga. Registrato un decremento delle rapine, passate dalle 19 dello scorso anno alle 12 di quello in corso (7 delle quali con autori noti), così come dei furti denunciati nell'intera provincia (2.589 nel periodo in esame contro i 2.643 di quello precedente). Contestualmente è stato comunque rilevato un lieve aumento del fenomeno nell'ambito del capoluogo (da 1.926 a 2.024 ovvero +5%).

Published in Cronaca
Pagina 1 di 122
EOF