NARNI / CASO BERNARDINI: LETTERA ALL'ASSESSORE DEL COORDINATORE DI FI BUSSOTTI

NARNI / CASO BERNARDINI: LETTERA ALL'ASSESSORE DEL COORDINATORE DI FI BUSSOTTI

Giovedì, 27 Luglio 2017 08:49 Written by 
Tagged under

amleto bussotti

NARNI - "Non ho il piacere di conoscerla personalmente ma la sua notorietà di buon amministratore mi è giunta già da molto tempo e sarò lieto di fare presto   anche la conoscenza personale.

Debbo ammettere che il sottoscritto non dovrebbe intervenire su questa vicenda in quanto ho avuto da ridire quando T.p.N. hanno sollevato il Suo problema in C.C., dicendo io che è sempre molto antipatico sollevare questioni personali, a maggior ragione quando poi queste sono state risolte. La Sua risposta, però, stimola alcune osservazioni, certamente non dal punto di vista legale, in quanto che la cosa sia stata risolta secondo le norme vigenti non ho dubbi.

La Sua vicenda, per quanto è stato comunicato, è iniziata nel 2009 e conclusa, come da Lei affermato, nel 2017 una settimana prima della Sua nomina ad Assessore. Mi viene una domanda: perché cosi tardi? Non poteva risolverla al momento dell’accettazione della candidatura? Lei è dipendente del Ministero degli Interni, è stata già amministratore pubblico, avendo fatto il Sindaco in altra località, conosce molto bene la normativa e sapeva che non poteva essere eletta se non risolveva il problema.

Lei ha dichiarato che il suo è stato un atto di responsabilità, ma è proprio cosi? Perchè poteva anche non farlo? Ma rispettare una legge non è un dovere di ogni cittadino ed un obbligo per un amministratore? Sa io , mi scuserà, penso ancora come una volta che un politico debba essere come la moglie di Cesare. Nella recente campagna elettorale abbiamo interpellato una persona per una sua candidatura, questo signore ci ha risposto che avendo un contenzioso con il Comune e ritenendo lui di aver ragione ha declinato l’invito in quanto ritiene di portare avanti il contenzioso fino alla fine rifiutando ogni eventuale elezione a consigliere comunale.

E’ chiaro che ogni cittadino si muove come ritiene opportuno ma per tutti c’è un’etica, una morale. E questo è quanto mi interessa sottolineare. Quale è la Sua Assessore? Perché io ritengo che la vicenda non riveste carattere di illegalità ma di etica. Lei nella replica parla di fango, ma bisognerebbe essere attenti a non mettersi in condizioni di farselo tirare. Certo non è per Lei un buon punto di partenza. Tra le Sue deleghe c’è anche quella alla scuola e se un giorno arriva un genitore, di famiglia che non ha problemi economici e sa che non paga le rette da tempo Lei come si comporta? Credo non sia mai positivo ostentare troppa sicumera e leziosità come mi sembra di leggere nella Sua risposta capisco che si è sentita un po’ “pizzicata” ma, mi creda, questi sono atteggiamenti che non aiutano il dibattito".

Amleto Bussotti, coordinatore comunale di Forza Italia 

©Riproduzione riservata
EOF