Economia
Economia

AMELIA – Riccardo Maraga ha presentato lunedì 2 maggio al museo cittadino la sua candidatura a sindaco, tentando di conquistare il suo secondo mandato. Sarà a capo di una lista che si chiama “Vivere Amelia” e che punta su economia, ambiente, turismo, cultura e rilancio produttivo. Ma presentandosi agli elettori Maraga ha anche detto di voler rifiutare ogni discussione e polemica sui temi dell’onestà. “Non intendiamo affrontare – ha detto - la contesa elettorale sull’argomento dell’onestà e per questo non daremo seguito a chi intende ricondurre il dibattito pubblico su questo campo: chi ha notizia di illeciti conosce anche le competenti sedi a cui rivolgersi”. Un messaggio forse rivolto soprattutto ai grillino.

“Cultura e turismo – ha poi insistito - riteniamo che siano assolutamente necessari per il rilancio dell’economia ma non sufficienti: occorre insistere sulla strada di una possibile ricucitura del complessivo tessuto produttivo amerino, e in questo senso l’investimento della Molini Popolari Riuniti sul sito dell’ex molino cooperativo è un segnale positivo che è stato da noi incoraggiato”. Il sindaco ha anche presentato il simbolo della sua lista. “Il nostro logo – ha spiegato - in cui spiccano i colori della nostra bandiera, rappresenta in primo piano il profilo più conosciuto della nostra Città; il sole sullo sfondo rappresenta il progresso ed i suoi sette raggi simboleggiano le nostre frazioni, che dovranno rimanere parimenti centrali nel perimetro della prossima azione amministrativa. Come nome abbiamo scelto “Vivere Amelia”, perché il nostro impegno principale sarà la vivibilità, la qualità della vita degli amerini e delle amerine. Lavoreremo insieme per questo progetto comune, senza isolare Amelia dal dialogo con le altre istituzioni ed intendendo la politica come luogo di impegno, non come occasione per procacciarsi affari”.

Gli appuntamenti - Intanto è iniziata lunedì sera la campagna elettorale con i primi due incontri, a Macchie (sala del Dominio Collettivo) alle ore 18 e a Fornole (sala Piazza degli Artigiani) alle ore 21, la presentazione del rendiconto di fine mandato, che nel frattempo sta raggiungendo le case degli amerini. Si proseguirà nei prossimi giorni secondo il seguente calendario: martedì 3 maggio ore 18 Foce (circolo Proloco), ore 21 Sambucetole (sala Dominio Collettivo); mercoledì 4 maggio ore 18 Collicello (sala Proloco), ore 21 Amelia (sala Conti Palladini); giovedì 5 maggio ore 18 Porchiano (circolo Proloco), ore 21 Montecampano (Casa del Popolo)

AMELIA - Arrivano i soldi per la facciata del duomo e la minoranza di Vivere Amelia ne rivendica il merito. In un comunicato dice infatti che i 400mila euro stanziati dalla Regione sono frutto del lavoro fatto dall'ex giunta Maraga.

"Siamo soddisfatti - dice Vivere Amelia - che oggi siano finalmente partiti i lavori di completamento del restuaro e di rimozione delle impalcature: si tratta di interventi che consentiranno di migliorare l'aspetto non solo del Duomo e dell'intero centro storico amerino, ma anche lo skyline di Amelia.

Ringraziamo ancora la presidente della Regione Umbria Marini per l'attenzione dimostrata al nostro territorio e siamo contenti che questo sia uno dei tanti frutti che la nostra amministrazione lascia alla città". 

AMELIA - La vicenda dell'asilo comunale continua a tenere banco. Il sindaco Laura Pernazza ha precisato che l'amministrazione non ha assunto decisioni in merito e che non c'è alle viste una scelta di campo sulla privatizzazione della struttura. La Pernazza ha infatti puntualizzato la questione chiarendo che l'amministrazione sta rivedendo una serie di costi per cercare di far quadrare i conti attualmente in grossa difficoltà.  Fra le iniziative già prese invece c'è quella della riduzione di alcune corse degli autobus meno frequentate dai cittadini. Nel frattempo però la vicenda dell'asilo arriverà anche in consiglio comunale. A portare la sarà Vivere Amelia che ha presentato una mozione sullo "Scarabocchio", questo il nome dell'asilo. La discussione avverrà venerdì 22 luglio in occasione della seduta di consiglio. Oltre alla mozione  l’ordine del giorno peevede alcuni atti riguardanti il prelevamento dal fondo di riserva, la ratifica di una variazione di bilancio, l’assestamento e la salvaguardia degli equilibri finanziari dell’ente e il riconoscimento di alcuni debiti fuori bilancio. Prevista infine la trattazione dell’interrogazione, sempre del gruppo Vivere Amelia, sulla convenzione del Comune con il dipartimento di studi linguistico-letterari, artistico-filosofici e giuridici dell’Università della Tuscia. 

AMELIA – Il gruppo consiliare Vivere Amelia rivendica il successo della sua interrogazione sulla vicenda dei contributi inizialmente pagati dal Comune all’assessore Galli. “Abbiamo evitato – scrive in una nota la minoranza - che venissero pagati con i soldi dei cittadini. Grazie alla nostra interrogazione, infatti, l'amministrazione si è resa conto che il Comune non deve pagare i contributi e dopo averli versati ora, grazie al nostro intervento, avrebbe chiesto all'Inps di rimborsaglieli. In consiglio vorremmo vedere gli atti che dimostrano che i cittadini amerini non dovranno pagare i contributi all'assessore. Esprimiamo inoltre – aggiunge Vivere Amelia - rammarico nel leggere che la Pernazza considera strumentale la nostra interrogazione. Evidentemente avevamo ragione visto che il sindaco ha dovuto fare retromarcia. Noi siamo chiamati a controllare che i soldi dei cittadini vengano spesi secondo legge e non vengano dati privilegi illegittimi a chi non spettano”.

AMELIA – Il problema dei furti sta diventando una questione grave. I ripetuti colpi nelle abitazioni stanno infatti generando una vera e propria psicosi fra i cittadini ed hanno indotto la politica a mettere all’ordine del giorno la questione. Vivere Amelia chiede un potenziamento delle forze dell’ordine. “Quelle che ci sono – dice il gruppo consiliare – stanno facendo il massimo per arginare il fenomeno ma non basta”.

Vivere Amelia pressa la sindaca Laura Pernazza per chiedere al prefetto la convocazione di un comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza specifico sulla situazione di Amelia, “così da poter potenziare – dice l’opposizione - la presenza di tutte le forze di sicurezza sul nostro territorio e far vivere i cittadini in un contesto di maggiore protezione e sicurezza. La prefettura – ricorda poi sempre il gruppo - si è sempre contraddistinta per la sua sensibilità nell'accogliere tali richieste quando, in passato, si è presentato il problema e siamo certi che anche questa volta, se il sindaco accoglierà il nostro invito, farà la sua parte”.

Pagina 1 di 3
EOF