Cronaca
Cronaca

TERNI - Sono stati costretti a ricorrere allo spray al peperoncino, gli agenti della squadra volante di Terni, per calmare un nigeriano di 32 anni sorpreso a molestare alcuni passanti nel parcheggio di largo Manni.
L'uomo è stato arrestato con l'accusa di violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Dopo l'arrivo della polizia ha iniziato a minacciare sia i presenti sia gli agenti, ferendone due in modo lieve. Dai controlli è emerso che al nigeriano erano già stati già notificati tre ordini del questore a lasciare il territorio nazionale dopo che gli era stato rifiutato un permesso di soggiorno per richiesta asilo.
Durante la direttissima il giudice Federico Bona Galvagno lo ha condannato all'obbligo di firma in questura.
L'uomo è stato bloccato durante un controllo straordinario di controllo del territorio alla quale oltre alla polizia hanno partecipato anche carabinieri, finanza e polizia municipale. Controllate in tutto 253 persone e 320 veicoli, 259 dei quali con il Sistema Mercurio, la piattaforma tecnologica della polizia in grado di verificare anche i mezzi in movimento.
Controlli mirati sono stati svolti anche in esercizi pubblici e sale slot, alcuni oggetto di esposti da parte dei cittadini, dove sono stati identificati i clienti.
Dopo le ultime verifiche, salgono invece a 191, dall'inizio del 2017, le persone espulse dal territorio nazionale, mentre 72 sono i fogli di via obbligatori e i divieti di ritorno emessi dal questore di Terni.

Millennium
EOF