Cronaca
Cronaca

PERUGIA - Marco Baruffi è il nuovo presidente dell’Asu (Associazione Stampa Umbra). E’ stato nominato con voto unanime dal nuovo direttivo, eletto lo scorso primo ottobre, riunitosi ieri sera (venerdì 13 ottobre) per la prima volta presso la sede di via del Macello a Perugia. Il consiglio ha votato quali vicepresidenti Noemi Campanella (professionali) e Luana Pioppi(collaboratori). Fabrizio Ricci, infine, ricoprirà il ruolo di segretario-tesoriere.

Nel corso della riunione sono stati distribuiti altri incarichi e deleghe ai consiglieri. Giorgio Galvani si occuperà dei rapporti istituzionali e della comunicazione, Alfredo Doni delle attività dei quotidiani e dei periodici, Fabrizio Ricci della formazione, Massimiliano Cinque degli uffici stampa, Noemi Campanella dell’emittenza radiotelevisiva, Luana Pioppi delle pari opportunità, Marco Gobbino del web e multimedialità ed Alessandro Laureti del lavoro autonomo.

“Il lavoro del direttivo - afferma Marco Baruffi - sarà improntato allo spirito di servizio che tutti i membri hanno già dimostrato di avere ad inizio di questo mandato. Sarà finalizzato a dare dignità al lavoro giornalistico, alla tutela dell’occupazione e dei contratti, alla lotta al precariato e a favorire maggiore coinvolgimento dei colleghi nell’attività del sindacato, a cominciare dalla formazione a cui verrà dedicata particolare attenzione ed impulso nei prossimi mesi”.

 PERUGIA - l’assemblea dei soci dell’Associazione Stampa Umbra ha approvato nella riunione di ieri un documento di condanna dei fatti di Ostia e di adesione alla manifestazione congiunta promossa dall’Associazione Libera e dalla Fnsi per giovedì 16 novembre nella città laziale. “L’Associazione Stampa Umbra condanna con forza l’aggressione subita dal collega Daniele Piervincenzi di Nemo verso il quale formula la sua assoluta e incondizionata solidarietà”, si legge nel testo.

“L’episodio – prosegue il documento – conferma, se ce ne fosse bisogno, che la situazione dei giornalisti in Italia deve essere costantemente monitorata e che va posta altresì massima attenzione sul rispetto del diritto di cronaca e sulla libertà di stampa, messa palesemente in discussione ad Ostia ma minacciata continuamente anche con molti altri atti intimidatori che colpiscono i giornalisti italiani.

L’Assostampa Umbra per questi motivi sostiene pienamente e con determinazione la manifestazione in programma proprio ad Ostia il prossimo 16 novembre, alla quale ha dato la propria adesione anche la Fnsi, e alla quale sarà presente con i suoi rappresentanti per ribadire che la tutela del diritto ad una libera informazione è garanzia di civiltà e democrazia, valori sui quali si fonda la nostra Repubblica. 

Millennium
EOF