AMELIA / ALLA SCOPERTA DELL'OLIO RAJO

AMELIA / ALLA SCOPERTA DELL'OLIO RAJO

Venerdì, 10 Novembre 2017 08:37 Written by 
in Cronaca
Tagged under

AMELIA - “Pane fresco olio buono e sale” c’è niente di più buono? L’unione di questi tre sapori ha fatto crescere intere generazione di bambini e oggi più che mai in Umbria l’olio di qualità è quel sapore inconfondibile che esalta un piatto. Che sarebbe il re tartufo senza il soffitto di aglio e olio e gli spaghetti? Il frantoio Italyheart di Amelia ha organizzato una giornata, riservata alla stampa locale ed estera, per far conoscere l’olio Rajo una cultivar autoctona che dona un olio di eccellente qualità, recentemente rivalutato perché appartenete solo al territorio dell’amerino unico in possesso di piantoni secolari risalenti a minimo circa 200 anni fa.

Il rajo differisce dal muraiolo perché viene raccolto quando il frutto è completamente maturo. I giornalisti che hanno partecipato all’iniziativa, convinti di assaggiare una buona bruschetta, si sono ritrovati all’interno di una vera e propria ‘esperienza emozionale’, visita dei piantoni di olivi secolari di rajo, raccolta del pregiatissimo frutto con teli, rastrelli e mani nude e infine trasporto al molino Itayheart seguendo tutta la filiera della produzione dell’olio. Poi, e solo poi, assaggio e riconoscimento dell’olio di qualità con bruschetta realizzata con il succo d’oliva appena raccolto.

Insomma una vera ‘esperienza emozionale’ che attraverso la raccolta, la macinazione e l’assaggio è diventato un viaggio tra passato e presente, tra nuovo e vecchio modo di raccogliere e produrre l’olio. “La promozione del territorio- ha detto Giovanni Crocelli presidente Italyheart - passa anche attraverso questi nuovi modi di far informazione. I prodotti di qualità del territorio vanno valorizzati e fatti conoscere al grande pubblico noi stiamo lavorando in questa direzione da diverso tempo e i risultati stanno arrivando le richieste di olio rajo sono in netta crescita tra poco lavoreremo anche su altri prodotti di eccellenza come il maiale allevato nei boschi”.

©Riproduzione riservata
Millennium
EOF