Cronache 24 - Notizie Amelia
Notizie Amelia

AMELIA - "Da un recente studio dell'IS.P.R.A. (Istituto per la Protezione e la Ricerca Ambientale al servizio del Ministero dell'Ambiente) si evince come il costante consumo di suolo comporti conseguenze sull'Ambiente, sulla Salute e sorprendentemente anche sulle tasche di noi cittadini. Infatti quando il suolo viene cementificato o asfaltato, questo perde la sua Naturalità e con essa vengono meno tutta una serie di “servizi ecosistemici”, vere e proprie ricchezze che consentono all'uomo di vivere, come: lo stoccaggio e sequestro di carbonio, la qualità dell'habitat, la produzione agricola e quella legnosa, la purificazione dell'acqua, la protezione dall'erosione, l'impollinazione, la regolazione del microclima, la rimozione del particolato e dell'ozono, etc.. Quando la natura non può più fornirci gratuitamente tutto questo, allora siamo costretti a pagarlo ed il costo è elevato ed è ora anche noto, grazie all'ISPRA. Dall'analisi dei dati ISTAT sull'andamento demografico della popolazione residente nel Comune di AMELIA dal 2001 al 2013, constatiamo che se le capacità attrattive del comune miglioreranno costantemente in modo da ripetere l'andamento demografico verificatosi in questi 13 anni, potremmo prevedere che per i prossimi 15 anni la popolazione residente aumenterà di circa 1000 unità raggiungendo la quota di 13 mila residenti, di molto inferiore alle 30 mila previste dagli standard urbanistici del PRG vigente. La V.A.S. non ci fornisce dati che ci possano indicare il numero di abitazioni nuove o da ristrutturare non utilizzate (dati necessari), in modo da confrontarli con le previsioni di espansione residenziale, ma la sensazione è che esistano numerose abitazioni disponibili e molte che potrebbero diventarlo con interventi di recupero. Crediamo quindi che si debba azzerare il consumo di suolo agricolo o poco densamente abitato, dimezzando le previsioni di sviluppo demografico e favorendo il riuso e la ristrutturazione di edifici esistenti o comunque limitando le nuove edificazioni all'interno di margini urbani ben definiti. RIDURRE L'IMPATTO AMBIENTALE DOVUTO AL TRAFFICO VEICOLARE E AI PARCHEGGI NEL CENTRO STORICO DI AMELIA Lo studio della V.A.S. per il nuovo P.R.G. prospetta di rivitalizzare il centro storico di Amelia insediando sempre più abitanti nelle strutture edilizie non utilizzate e di continuare a predisporre delle social housing, immaginando evidentemente di poter riproporre nel c.s. la vita di tanti anni fa, senza considerare le esigenze e gli stili di vita completamente mutati. Evidentemente però nel non rivitalizzato centro storico si soffre già ampiamente delle conseguenze legate al traffico veicolare ed alla bulimica necessità di parcheggio. Il traffico veicolare è per il c.s. un problema irrisolto che sembra contrapporsi alla necessità di rivitalizzazione, crediamo invece che la soluzione vada cercata in un'ipotesi di sviluppo sostenibile che non implementi l'accesso delle auto. Proponiamo che si debba provare a realizzare un grande Polo Culturale e Formativo che faccia da volano anche del sistema produttivo, per una rinascita vitale del cuore storico della nostra città, collegato al nuovo accesso meccanizzato di Porta Posterola o ad altri da farsi. Questo potrà portare poi alla necessità di alloggi per gli studenti ed una serie di servizi collegati che non comporteranno un incremento dell'accesso veicolare. Attualmente Amelia è totalmente priva di luoghi di aggregazione, di piazze che la rappresentino, pur avendone di bellissime, come ad esempio Piazza Marconi. Questi luoghi della memoria e dell'affetto cittadino sono da tempo abbandonati, occupati soltanto dalle automobili che ne distruggono anche le splendide pavimentazioni. Per cercare di restituirle alla vita della comunità abbiamo, già in altra sede, proposto di introdurre all'interno dell'Amministrazione Pubblica, prima, e dell'ospedale, poi, la figura professionale del mobility manager, attraverso il quale organizzare l'accesso veicolare al c.s. dei dipendenti, superando il concetto di mobilità individuale, in modo da ridurre notevolmente la necessità di posti auto, contribuendo, assieme all'aumento dei parcheggi fuori il c.s., all'eliminazione dei parcheggi in Piazza Marconi. Per non implementare il traffico veicolare nel c.s., proponiamo infine di prevedere la realizzazione delle nuove case popolari distribuendole fra le frazioni, utilizzando in primo luogo edifici abbandonati. Rafforzeremo così il senso policentrico del nostro territorio comunale, abbandonando quel principio di ghettizzazione del c.s. che da tempo si sta costituendo e favorendo l'integrazione sociale e funzionale. Incrementando i residenti nelle 7 frazioni, queste assumeranno maggior peso di attrazione dei servizi, comunque ad esse necessari. VALORIZZARE LE MURA Condividiamo la consapevolezza dell'immenso valore Storico – Archeologico – Rappresentativo e Affettivo delle Mura Ciclopiche e condividiamo la necessità di organizzare un sistema di parcheggi al di là del c.s., collegati anche ad un maggior numero di accessi meccanizzati, ma riteniamo assolutamente necessario prevedere intorno alle Mura un'ampia fascia verde di circa 30 metri che si sviluppi per l'intero suo perimetro e che valga anche come obiettivo programmatico, rispetto a tutto ciò che, adesso, insite all'interno di essa". Movimento Cinquestelle Amelia

Published in Filo Diretto

AMELIA - Quali segreti nasconde ancora la statuta del Germanico? Ci sono ancora cosa da scoprire soprattutto sulla sua struttura in bronzo o è già stato tutto detto. Si sa che l’opinione diffusa sia quella di una sua origine romana ma c’è una teoria, sostenuta da alcuni studiosi, che indica per la statua origini diverse, risalenti all’antica Grecia. Il busto in particolare risalirebbe a questo periodo mentre la testa, di epoca effettivamente romana, sarebbe stata montata successivamente. A fare definitiva chiarezza sarà la prestigiosa University of Southern California e il team coordinato dal noto archeologo John Pollini e della altrettanto nota archeometallurgista Phil. Alesandra Giumlia-Mair che effettuaranno una serie di analisi chimico - fisiche non invasive e un approfondito esame della Statua bronzea del Germanico ricorrendo a tecniche e metodologie innovative. A darne notizia è l’amministrazione comunale che supporterà lo stdio tramite il servizio beni culturali e che ha fornito i locali del museo "Edilberto Rosa", avendo già ottenuto tutte le necessarie autorizzazioni da parte della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio dell'Umbria per fare le analisi. “Tale studio - afferma l’assessore alla cultura Federica Proietti - è completamente finanziato dalla fondazione Loeb Library Grant ed avrà certamente una risonanza internazionale, non solo per il prestigioso team che effettuerà lo studio, ma anche per i risultati scientifici della ricerca e sarà un occasione importante per la promozione del nostro patrimonio storico culturale”.

Published in Cultura e Spettacolo

AMELIA – 13 giugno – Avvicinare il fisco alla collettività attraverso una serie di incontri sulla dichiarazione precompilata. Questo l’obiettivo dell’incontro che l’Agenzia delle entrate e il Comune hanno messo in programma per il 27 giugno dalle 15 alla sala Conti Paladini della biblioteca comunale. Ne dà notizia la sindaca, Laura Pernazza, che invita i ci8ttadini a partecipare “data – dice – l’importanza del tema che verrà trattato”.

Nel corso dell’incontro gli addetti delle Entrate spiegheranno la struttura della dichiarazione precompilata, prendendo in esame gli oneri indicati nel modello e nel foglio informativo, la platea di contribuenti interessata, le modalità di trasmissione e di pagamento dell’eventuale debito d’imposta e i canali di assistenza messi a disposizione.

Gli incontri fanno parte di un ciclo di appuntamenti con i contribuenti che la direzione regionale dell’Umbria sta realizzando su tutto il territorio per favorire la conoscenza e promuovere l’utilizzo della dichiarazione precompilata.

Published in Cronaca

AMELIA – 13 giugno – Otto chilometri di cavi per portare una velocità di collegamento fino a 200 megabit. E’ la rete a banda ultralarga che Tim sta installando ad Amelia e il cui progetto è stato presentato stamattina in Provincia dal responsabile Access Operations Umbria di TIM, Massimo Pollaro, e dalla sindaca Laura Pernazza. L’obiettivo, è stato detto, è quello di rendere disponibili servizi innovativi a cittadini e imprese prevedendo entro il prossimo mese di luglio di raggiungere la quasi totalità della popolazione. Per la posa dei cavi verranno utilizzate le infrastrutture esistenti sia di proprietà di TIM sia pubbliche, in accordo con l’amministrazione, come ad esempio quella per la pubblica illuminazione.

In caso di scavi, saranno utilizzate tecniche e strumentazioni innovative a basso impatto ambientale che minimizzano i tempi di intervento, l’area occupata dal cantiere, l’effrazione del suolo, il materiale asportato, il deterioramento della pavimentazione e, conseguentemente, i ripristini stradali. I lavori sono iniziati da Via Roma e toccherà prossimamente molte altre zone del comune. A partire dalla metà di agosto,secondo Tim, famiglie e imprese potranno cominciare a usufruire di connessioni con velocità fino a 200 Megabit al secondo, che miglioreranno nettamente l’esperienza della navigazione in rete da casa o dall’azienda, abilitando nuovi servizi.

Con la fibra sarà possibile accedere a contenuti anche in HD, giocare on line in modalità multiplayer in alta qualità e contemporaneamente fruire di contenuti multimediali su smartphone, tablet e smart TV. Le imprese potranno accedere a soluzioni professionali evolute sfruttandone al meglio le potenzialità, dalla telepresenza alla videosorveglianza. “Un passaggio importante – è stato sottolineato da Pollara - che apre nuove possibilità per i settori sia pubblici che privati in tematiche come la sicurezza, il monitoraggio del territorio o l’info mobilità.

Tutte nuove possibilità per un territorio comunale smart e 3.0. Soddisfatta dell’accordo con TIM la sindaca Pernazza: “permetterà – ha dichiarato - di portare ad  Amelia una rete di nuova generazione. La banda ultralarga è un elemento essenziale per lo sviluppo e per consentire a cittadini e imprese  di accedere a servizi all’avanguardia. Con questo intervento facciamo un passo in avanti nel diritto alla cittadinanza digitale”. “Anche Amelia entra nella lista delle località scelte da Tim per la realizzazione della nuova rete in fibra ottica – ha dichiarato Massimo Pollara - questa moderna infrastruttura di rete consentirà ai cittadini e alle imprese di usufruire di servizi innovativi in grado di contribuire allo sviluppo dell’economia locale e alla sempre maggiore efficienza dei servizi urbani. Si tratta di un risultato reso possibile grazie agli importanti investimenti programmati da Tim e alla collaborazione con l’amministrazione comunale”. 

Published in Cronaca

AMELIA - Un biglietto unico per il turista con l’obiettivo di metterli tutti a rete e di aumentare le affluenze turistiche. E’ l’idea presentata stamattina in Provincia dai rappresentanti istituzionali di Amelia, Lugnano in Teverina, Montecchio, Civitella del Lago e Bagnoregio (Viterbo) e dai responsabili dei sei piccoli musei che hanno deciso di unire le forze in occasione della Giornata a loro dedicata e in programma il 18 giugno. L’iniziativa punta a creare un biglietto per mettere insieme il museo Piero Taruffi di Bagnoregio, Palazzo Venturelli e la Scuderia Traguardo di Amelia, il museo civico di Lugnano in Teverina, il museo dell’olio di Montecchio e l’Ovopinto di Civitella del Lago.

A presentare il progetto c’erano, tra gli altri, il sindaco di Lugnano in Teverina, Gianluca Filiberti, il presidente del Consiglio comunale di Amelia, Leonardo Pimpinelli, Flavio Verzaro, direttore del museo Taruffi, Umbro Passone della Scuderia Traguardo, Guglielmo Antonini della famiglia proprietaria di Palazzo Venturelli e i responsabili degli altri musei. “Uniamo le forze su un territorio trasversale che abbraccia l’amerino e parte del viterbese – è stato detto da Filiberti e dagli altri intervenuti – due aree molto vicine che grazie anche ai musei possono collaborare per accrescere le presenze turistiche”.

Gli appassionati potranno così ammirare i musei ispirati ai motori, sia al Taruffi, grande e indimenticato campione, progettista, fra gli altri, anche del circuito di Suzuka in Giappone, che alla Scuderia Traguardo riscoprendo figure come quella di Tinarelli e Libero Liberati. Potranno rivivere i momenti della Grande Guerra a Lugnano o immergersi nell’arte delle uova dipinte di Civitella del Lago o, infine, ammirare il cinquecentesco Palazzo Venturelli ad Amelia e la storia della produzione dell’olio a Montecchio.   

Published in Cultura e Spettacolo
Pagina 1 di 276